Famiglie e Abilità alla Dogi’s Half Marathon 2018 un grande successo

Famiglie e Abilità alla Dogi’s Half Marathon 2018 un grande successo. Gabry e Matteo in prima fila per il loro 

Strà (Ve): Sono stati in 1.800 i runner che hanno corso domenica 8 aprile 2018 alla 21esima Dogi’s Half Marathon, la mezza maratona della Riviera del Brenta, uno degli appuntamenti classici per il mondo delle corse. Tutti a correre per i propri successi e soddisfazioni personali. Tra i TopRunner ha vinto il gambiano Ousman Jaiteh(1h05’47”) e l’etiope Gedamnesh Yayeh(1h19’58”).

Fra tutti c’ è stato chi ha corso per molto di più di un semplice risultato, ma per andar contro a pregiudizi e dimostrare che: SI PUO’ FARE, a darci questa emozione è stato la ONLUS FAMIGLIE E ABILITA’ .

La storia che vogliamo raccontare è quella di Gabriele, un ragazzo autistico che ha partecipato per la prima volta alla corsa in sella alla sua bicicletta, adattata e modificata per l’occasione e di Matteo di 18 anni anche lui diversamente abile. Un papà e suo figlio assieme per dimostrare che non bisogna porsi dei limiti, ma tutto si può fare. Alessandra Boran di Famiglie Abilità ci ha raccontato i retroscena di questa che potrebbe sembrare una banale corsa, ma che per Gabry e Matteo è stata una prova da preparare in ogni dettaglio.

In effetti come per ogni atleta, oltre all’aspetto fisico, Gabry e Matteo hanno dovuto prepararsi mentalmente all’impatto emotivo e alla confusione dell’evento. La folla, la musica forte, lo speaker al microfono, tutte imprevedibili varianti che per un ragazzo autistico possono creare inaspettate reazioni. “Abbiamo preparato Gabry –ci confessa la Mamma Alessandraper tutta la settimana, mostrandogli la maratona nelle foto e dei video degli anni scorsi. Lui sapeva cosa si doveva aspettare”.

Tutto è andato come si sperava, con il cuore batteva forte e accompagnati da papà Marco e da papà Andrea, sempre di Famiglie e Abilità, passata l’agitazione iniziale i due ragazzi sono potuti partire felici e sereni. “Nemmeno la forte voce al microfono ci ha distolto dalla situazione, eravamo concentrati”– ci racconta Marco, immensamente orgoglioso del proprio figlio.

L’abbraccio degli amici è stata la ciliegina sulla torta. “L’incertezza ci ha accompagnato per tutto il tempo e intendo che non eravamo certi che con Gabry ci saremmo riusciti ad arrivare fino in fondo – ci confessa Marco- ma invece ce l’abbiamo fatta”.

Passata la confusione e avvolti dal silenzio, senza auto, della Riviera, “Ci siamo goduti il panorama”continua a raccontarci Marco – “Con la sua bici con pedalata assistita, Gabry ha partecipato con soddisfazione alla sua prima vera corsa”.

 

Molte persone durante il percorso li hanno incoraggiati e sostenuti, ed è stato importante per loro e per il significato della loro esperienza. “L’arrivo e la medaglia hanno coronato il suo desiderio e il nostro – ci ha confessato una emozionata Mamma Alessandra- mai avremmo sperato di raggiungere questo risultato”.

Per quanto grave possa essere la patologia bisogna sempre provarci perché Loro, i ragazzi devono sapere che possono farcela a giuste dosi ma senza arrendersi. Ma soprattutto devono sapere che noi tutti crediamo in loro. Ora c’è il riposo del guerriero perché tutto questo è stato psicologicamente stancante. Bravo Gabry, bravo Matteo e brava Famiglie e Abilità. Un grazie doveroso all’organizzazione di Dogi’s Half Marathonper aver potuto permettere tutto questo.

 

L’autismo non è una fermata ma è una partenza.

Appuntamento al 2019, quando la Dogi’s Half Marathonpartirà e arriverà a Mira, un’altra delle perle della Riviera del Brenta, alla partenza ci saranno tante persone e sicuramente altre belle storie sportive da raccontare.

Per saperne di più su famiglie e abilità, visita: www.famiglieabilita.it

Buono Sport a Tutti

Alessio Marini

 

 

 

 

Alessio Marini on EmailAlessio Marini on FacebookAlessio Marini on GoogleAlessio Marini on InstagramAlessio Marini on TwitterAlessio Marini on Youtube
Alessio Marini
Sono Alessio Marini, un Videomaker-Fotografo, appassionato di Sport e di musica. Ho iniziato a fotografare con le reflex a pellicola e le le videocamere a bobina, adesso mi piace sperimentare le nuove tecnologie per offrire prodotti sempre più attraenti e innovativi. La mia passione per lo sport si trasforma in immaggini catturate durante eventi e manifestazioni sportive. Attento a quello che succede sul mio territorio, mi piace contribuire con una divulgazioni di notizie positive.
“... Forse solo in un luogo in cui si svolge una manifestazione sportiva è possibile trovare una concentrazione così alta di emozioni, sia tra gli atleti che tra il pubblico. Noi abbiamo il vantaggio di poterle fermare e renderle eterne, non facciamocele scappare ...”

Leave A Comment

CommentLuv badge