Mondomiss e Mister: belli fuori e…..dentro! Sara Naletto

Bentrovati cari amici. Proseguiamo nel conoscere le nostre miss rivierasche che, nel contesto di bellezze architettoniche come la bellissima Villa Valier Corò, si lasciano andare a “confidenze” per i lettori di MeMagazine. La villa la conosceremo meglio in un articolo che le verrà dedicato appositamente anche se anticipo alcuni numer che le appartengono: 500 anni di storia, 20.000 mq di poesia, passione, arte, 10 meravigliose sale, location ideale per il giorno più speciale, il matrimonio. Ma Villa Valier è aperta ai visitatori di tutto il mondo. Anche a voi. Alcuni sabati fa, tre bellissime ragazze hanno posato con professionalità, guidate dai suggerimenti di Marco Brugnoli, altro esempio di passione: quello per la fotografia. Naturalmente gli abiti dell’atelier “Comindo” alta moda di Arzergrande-Campagna Lupia hanno fatto il resto.

Conosciamo dunque la prima di queste ragazze: Sara Naletto, di Mira. Miss Motorgallery 2016 e un sorrisone da scintille. La vera sfida per lei? Credere in se stessa.

Nome e Cognome: Sara Naletto        Anni 18

Raccontati: sono Sara, ho 18 anni e vivo a Mira. Frequento il quinto anno del liceo delle scienze umane e in futuro vorrei fare l’insegnante

“Vuoi provare a scattare qualche foto come modella?” Questa frase, cosa ti suscita? La accetteresti da chiunque?.

Penso che a tutte le ragazze farebbe piacere essere chiamata ‘modella’ anche solo per un giorno, ci fa sentire belle e ci fa  acquistare fiducia in noi stesse. L’autostima alla nostra età è importante. Ovviamente no,  non accetterei questa proposta da chiunque, ma solo a persone affidabili, conosciute. Logicamente mi informerei su chi mi fa questa domanda, magari con l’aiutino di mamma.

 “Tutti i genitori mettono in guardia da queste frasi e prima di provare penso siano servite delle discussioni” Cosa dicono ora i tuoi genitori? Ti danno una mano?

È stato molto difficile convincere i miei genitori per la prima sfilata e per i primi book, non solo perché il mondo della moda ai loro tempi poteva sembrare eticamente scorretto (e ancora oggi non molto stabile e costante come un lavoro ‘normale’)ma anche perché è un impegno che non tutti i genitori sono in grado di conciliare con la famiglia e con il lavoro, dato i luoghi, a volte molto lontani, dove si svolgono le sfilate.  Nonostante ciò ho avuto la fortuna di avere mia mamma,che anche se non era sempre d’accordo su questa mia passione, ha cercato di accontentarmi il più possibile. Spero che ora non sia più un problema, data la maggiore età e la possibilità (anche se remota) di avere la patente. Intanto…grazie mamma!

Come è stato scattare un servizio di moda in una villa del 1600 circondata da amici e colleghi?

Semplicemente meraviglioso. Anche se abito a Mira, a pochi passi da queste meravigliose ville Venete, la possibilità di entraci per lavoro o per visita è sempre emozionante. Con colleghe/amiche di “passerella” è anche un divertimento.

Hai iniziato molto giovane. Che aspettative hai pensando a te sulla passerella?

Non ho e non avevo nessuna aspettativa,infondo la vera vittoria è piacere a sé stessi (wow….che assoluta verità! Brava Sara)

Concorsi di bellezza, ne hai fatti? Com’è questo mondo

Si ne ho fatti. Ce ne sono di seri e di…poco chiari. Sono convinta che oltre ad esperienza e valori materiali offrano una grande opportunità di crescita e di fiducia, per credere in sé stessi. Ti insegnano anche ad “aprire gli occhi”.

Cos’è la disciplina per te? Determinazione e rispetto per gli altri e per sé stessi

La moda è una delle eccellenze del “made in Italy”. Secondo te come si fa moda e tendenza? 

Non ne ho idea, indosso ciò che mi piace, indipendentemente che questo segua le tendenze o meno

Ricordi un brutto momento della tua carriera?  Non cè un momento particolarmente brutto da ricordare, forse l’ansia del ‘ dietro le quinte’ prima di andare in scena, la paura di cadere.

E il momento più bello?

Una vittoria in particolare che ha fatto si che alcune persone fossero fiere di me

Scuola e Miss….come riesci a conciliare?

Non è semplice, è per questo che  sono più propensa ai concorsi estivi rispetto a quelli fatti durante l’anno scolastico. La scuola viene prima di tutto, perciò si cerca di eccellere prima in quell’ambito, poi se avanza tempo anche le sfilate

Pensi mai al futuro?

Si, ma non con una carriera da modella. Se capiterà benissimo. Ma il mio obiettivo e tutt’altro.

Il tuo colore preferito? Blu

Il motto che ti “rappresenta”? Carpe diem

A come “amore”???     AMICIZIAAAAAAAA

Sara è Miss Motorgallery in carica e Miss Sorriso alla scorsa edizione di Miss Riviera del Brenta. Che augurarle se non “ogni bene”? Brava Sara.

Sara al pianoforte. In piedi Beatrice (in rosa) e Chiara (in nero) che conosceremo negli articoli a loro dedicati.

Sara con Beatrice (in rosa) e Chiara (in nero) che conosceremo negli articoli a loro dedicati nella famosa “Scala elicoidale”

 

Ringraziamo Villa Valier Corò per il “set” meraviglioso.

Ringraziamo Comindo Abbigliamento

Ringraziamo Marco Brugnoli Photography

 

Renato Trincanato
By | 2017-04-14T18:17:39+00:00 aprile 14th, 2017|Costume&Ilarità, Fotografia, LIFESTYLE, News, Territorio|0 Comments

Leave A Comment

CommentLuv badge