Pizza Caprese, la ricetta

“Lezioni di Cucina”
“La cucina è l’arte più antica, perché Adamo è nato a digiuno.”
Anthelme Brillat-Savarin, Fisiologia del gusto

La pizza caprese è un piatto adatto a tutte le stagioni, semplice, fresca e leggera. Gli ingredienti che la compongono sono: la mozzarella di bufala e i pomodori da insalata “cuore di bue” che vanno tagliati a fettine sottili e adagiati sopra ad una focaccia calda appena sfornata. Di fondamentale importanza è l’origano e il basilico fresco che con i suoi profumi completa questa deliziosa pizza.

Ingredienti :

Farina tipo “O” 550 grammi

Acqua 330 ml non fredda(20 gradi circa)

2 cucchiai di olio di oliva

13 grammi di sale

1 cucchiaio di zucchero

3 grammi di lievito di birra

Mozzarella

Pomodoro

Basilico

Preparazione

Sciogliete il lievito nell’acqua, aggiungete la farina, l’olio e lo zucchero e iniziate ad impastare. Una volta amalgamati gli ingredienti aggiungete il sale. Quando l’impasto risulterà essere compatto ed elastico, dividetelo in 3 palline, copritele bene e lasciate a lievitare fino a quando il suo volume non sarà raddoppiato, impiegherà circa un ora.Stendete le palline con il mattarello o con i vostri polpastrelli fino a dargli le dimensioni del contenitore per la cottura.Lasciate lievitare per altri 30 minuti, poi condite con olio, sale e aghi di rosmarino.Mettete a cuocere nel forno precedentemente riscaldato a 200 gradi per 15 minuti o fino a quando la superficie sarà completamente dorata.Tagliate a fette sottili il pomodoro e la mozzarella di bufala (o intera se preferite), disponete le fette sopra la pizza focaccia ancora calda , aggiungete il basilico fresco, l’origano e condite con olio extra vergine di oliva e sale.

Consiglio

Per evitare che la pizza si secchi in cottura, potete sistemare sul fondo del forno una pirofila con l’acqua: in questo modo la base resterà morbida.

• Cottura: 20 minuti
• Preparazione: 30 minuti
• Costo: basso

Curiosità

Per versare l’olio, i pizzaioli tradizionali utilizzano l’agliara, un contenitore in rame, internamente stagnato, con il becco lungo e stretto, in modo da far fuoriuscire un filo d’olio sottile e continuo.Per infornare e governare la pizza in forno si utilizzano due pale a manico lungo: una più larga, di forma quadrata, dove la pizza viene stesa cruda e con la quale la pizza viene infornata, ritirandola con un rapido colpo di braccio. Questa pala era tradizionalmente in legno, ma per motivi igienici è stata recentemente sostituita da una versione in alluminio. Un’altra pala più piccola, tonda e di ferro, usata per far ruotare la pizza nel forno in modo da farla cuocere uniformemente su tutti i lati.

Vino abbinato

Bianco leggero.

Alessandro Antignani
Sono napoletano di nascita e veneto d'adozione, sono arrivato in Veneto , a Lovadina di Spresiano per l'esattezza, in un giorno di Maggio nel 2007 per un trasferimento lavorativo che doveva essere solo di pochi mesi e invece è divenuto per sempre. Scrivo perchè mi piace e mi fa stare bene, MeMagazine mi ha dato quest'opportunità di esprimermi attraverso una rubrica di cucina .Per citare Flaubert "Scrivere è un modo di vivere", nel mio caso è così: non concepirei una vita senza la scrittura e, ovviamente, senza il suo complemento indispensabile, la lettura.
By | 2018-05-27T21:56:56+00:00 maggio 21st, 2018|LIFESTYLE, Ricette di Cucina|0 Comments

Leave A Comment

CommentLuv badge