Sport e crampi. Come superarli.

Con la bella stagione gli argini si animano e spesso capita di trovare biciclette che sfrecciano, persone che camminano o corrono. Durante una corsa in pausa pranzo, mi sono fermato, come avrebbe fatto qualunque persona di buon senso e qualunque runner, a dare soccorso a una signora ferma a un lato dell’argine che cercava di farsi passare un crampo. Dopo qualche minuto di allungamento muscolare la signora lentamente si è portata verso casa ringraziandomi di averla assistita.  Proprio a seguito di questo episodio ho deciso di dare qualche nozione sul crampo muscolare.

I crampi non sono altro che delle contrazioni improvvise e involontarie di un muscolo che non provocano la rottura (strappo) del medesimo, ma ne bloccano momentaneamente la funzionalità.
Solitamente insorgono durante lattività fisica, ma talvolta possono presentarsi anche di notte, quando il corpo è a riposo.

Generalmente si risolvono con un po’ di allungamento muscolare e il momentaneo riposo.

Quando si manifestano possono essere accadute due cose: o il muscolo si è saturato di acido lattico e quindi non riceve più ossigeno (sovraffaticamento muscolare), oppure  l’organismo vive una mancanza di sali minerali necessari alla corretta estensione delle fibre muscolari e inevitabilmente si presenta l’improvvisa contrazione del muscolo.

Spesso anche una non corretta idratazione e la mancanza di magnesio e potassio li possono provocare.

Perché sono utili il magnesio e il potassio?
Partiamo dal presupposto che il magnesio e il potassio sono sali minerali che tra le loro tante funzioni  annoverano quella di rilassare i muscoli, mentre il calcio, di contro, aumenta le contrazioni muscolari. Se l’equilibrio fra i sali minerali è alterato a vantaggio del calcio, è facile che si presentino crampi, e in tal caso ritorna utile assumere un integratore al magnesio o al potassio (o entrambi) che colmi questa carenza.

Questo si verifica per lo più  in persone anziane o persone caratterizzate da una cattiva circolazione, nonché da chi pratica molto sport.

É importante ricordare che i Sali minerali di qualunque genere andrebbero assunti con soluzioni a basse o a uguali concentrazioni di Sali (isotoniche o ipotoniche) in quanto facilitano il passaggio dell’acqua, di magnesio, potassio e altri minerali, dall’intestino al sangue e non viceversa assicurando una corretta idratazione.

Con poche e semplici regole sull’idratazione, sull’alimentazione e il recupero, l’esercizio fisico, le attività sportive oltre che i lavori all’aria aperta possono divenire più piacevoli e favorire il benessere psico-fisico del nostro organismo.

Per quanto riguarda la quantità e la modalità di assunzione, è opportuno chiedere consiglio al proprio medico o farmacista di fiducia.

Con la bella stagione invito di cuore tutte le persone in grado di fare una passeggiata, di pedalare o di correre a frequentare gli argini della Riviera del Brenta. Oltre a essere un’opportunità per mantenersi in forma a costo zero è un occasione per riscoprire il territorio anche sotto gli aspetti naturalistici.

 

 

Emanuele Veronese
By | 2017-06-13T22:29:21+00:00 giugno 11th, 2017|SALUTE & BENESSERE, Sport|0 Comments

Leave A Comment

CommentLuv badge