Turismo 10: ACQUA un elemento da…gestire! E da visitare. L’Impiano Idrovoro di Lova.

Ben ritrovati a tutti amici. Passato bene il weekend? Oggi vi voglio segnalare un altro luogo meritevole di visita, un luogo storico e affascinante allo stesso tempo ovvero l’Idrovia di Lova, frazione di Campagna Lupia.

Quì è ancora attivo uno degli impianti idrovori più vecchi della storia della bonifica veneziana ed è gestita oggi dal consorzio “Acque Risorgive”.

L’origine dell’impianto idrovoro di Lova rappresenta uno dei simboli della storia della bonifica del territorio veneziano, costruito tra gli anni 1890–1892 per preservare il territorio limitrofo dalle acque.

Inizialmente esso era dotato di due idrovore a turbina azionate da due motrici a vapore, alimentate a loro volta da tre caldaie Cornovaglia.
Nel 1912 venne installata una pompa centrifuga della portata di 2400 l/s ad asse orizzontale, azionata direttamente da un motore.

Tra il 1921 e il 1922 fu demolita una delle idrovore a vapore, sostituendola con una pompa centrifuga ad asse orizzontale da 1000 l/s azionata, tramite riduttore di velocità, da un motore della potenza di HP 65, aumentata nel 1953 ad HP 72.
Durante la seconda guerra mondiale ( 1943 – 1944 ) il bacino di scarico e l’impianto furono minati e assediati dalle truppe tedesche pronte a farlo saltare in quanto prevedevano lo sbarco delle truppe alleate in Adriatico e quindi in Laguna Veneta.
Nel 1964 si sostituì la seconda idrovora a vapore con una nuova pompa ad asse verticale da 2000 l/s, azionata da un motore elettrico di HP 125.
Nel 1985 venne costruito un impianto idrovoro secondario ( o sussidiario ) dotato di n. 4 elettropompe ad elica, ad asse verticale, da 600 l/s ciascuna, alimentate originariamente solo da un gruppo elettrogeno e attualmente anche tramite la rete Enel.

Tra il 2001 e il 2002 è stata installata, a ridosso del bacino di arrivo, una pompa di tipo sommergibile da 4100 l/s con girante ad elica a pale fisse, collegata al bacino di scarico tramite una tubazione collocata esternamente al vecchio fabbricato e giacente sotto il piano stradale.

Particolare dell’impianto a Diesel durante una visita della nostra Miss Riviera del Brenta Giulia Zancato.

Nel 2006, si è provveduto a dotare la pompa ad asse orizzontale da 2400 l/s di un nuovo motore elettrico da 110 kW in sostituzione dell’obsoleto gruppo termico diesel del 1912, che presentava vistosi segnali di cedimento strutturale e funzionale, in mancanza di idonei pezzi di ricambio; ad ogni modo, il vecchio motore diesel è stato conservato in virtù della sua notevole valenza storica, essendo di fatto una pregevole opera di archeologia industriale.

Le acque sollevate vengono scaricate nella Laguna di Venezia tramite in un bacino di raccolta posto a monte di una botte a sifone sottopassante sia il canale Nuovissimo che il rilevato arginale della Statale Romea (12.000 litri al secondo).

All’interno dell’edificio si possono ancora trovare gli impianti idrovori fondamentali che hanno contribuito alla bonifica del territorio, soprattutto nella gronda lagunare, per preservarlo dalle acque.

Alcuni di questi macchinari hanno fatto il loro tempo e oggi sono pezzi di “archeologia industriale”. Tra questi vi è certamente il motore diesel a tre cilindri installato 104 anni fa proprio nell’impianto di Lova menzionato prima.

Il vecchio gruppo diesel, ancora funzionante, così come una delle motrici a vapore, quest’ultima non più in funzione purtroppo, sono stati comunque mantenuti all’interno dell’impianto per la loro valenza storica.

L’impianto idrovoro di Lova, assieme alle vie d’acqua ed alle altre eccellenze della zona, è stata una delle tappe del percorso turistico progettato dall’Unione dei Comuni città della Riviera del Brenta (Dolo, Fiesso d’Artico, Fossò e Campagna Lupia) in occasione dell’Expo 2015, evento che ha rappresentato un’opportunità di sviluppo anche per il territorio metropolitano.

Per gli amanti del nostro territorio questa visita non deve sicuramente mancare magari accompagnato da una bella pedalata in compagnia nei mesi prossimi estivi.

DOVE SI TROVA?
L’impianto si trova in via Giacomo Leopardi nella frazione di Lova di Campagna Lupia in provincia di Venezia.

COME SI FA? Si prenota la visita tramite il Consorzio di Bonifica “Acque Risorgive” Via Rovereto n. 12 – 30174 Venezia (VE)  Telefono: 041-5459111 ​Fax: 041-5459262
e-mail: consorzio@acquerisorgive.it   Web: www.acquerisorgive.it

Renato Trincanato
By | 2017-06-15T14:06:44+00:00 giugno 15th, 2017|Fotografia, Racconti di Viaggio, Territorio, VIAGGI|0 Comments

Leave A Comment

CommentLuv badge