Turismo 10: Anno nuovo e 5 buoni propositi per vivere la Riviera del Brenta

Sembra impossibile, ma ogni fine anno sento commenti del tipo “non vedo l’ora finisca”, “peggio di così…”. Raramente sento dei commenti positivi sull’anno appena trascorso, molto raramente.
Così, come d’abitudine , ogni fine anno ci si appunta sul taccuino (per i più nostalgici) o nell’ IPad, dei buoni propositi per iniziare l’anno che verrà.
Per migliorare la propria vita, non serve essere impulsivi. Basta decidere e decidersi, e ragionare sul proprio stile di vita. Quello che già c’è di buono va tenuto (semmai migliorato) e quello che indiscutibilmente è da cambiare, sarebbe da farlo quanto prima. Lasciare da parte i vizi, muoversi un po’ di più, tanto per iniziare. E ci sono anche alcune cose meno conosciute che incidono sulla qualità della nostra vita, e che faremmo bene a cambiare al più presto. A cominciare dal momento in cui diamo inizio alla nostra giornata.

E così anche io mi sono dato 5 buoni propositi un po’ “turistici” per la verità,  che spero possano essere di “ispirazione” anche per voi:

Svegliarsi prima!

Si, ma non serve alle 4 del mattino. Basta anticipare di una mezz’oretta l’orario della sveglia per fare tutto con più calma, avere più energia arrivando puntuali a scuola o al lavoro senza lo stress delle corse mattutine. Avrete la sensazione di avere più tempo anche per le vostre piccole passioni del tipo una passeggiatina di 10 minuti col vostro cagnolino che sarà entusiasta della nuova vostra abitudine, andare a prendere il giornale fresco di stampa, tornare a casa e fare colazione attorno ad un tavolo tutti insieme. Penso che si inizi la giornata più serenamente. Obiettivi raggiunti: camminata salutare, microeconomia nel tuo paese, socializzazione, informazioni aggiornate e famiglia unita.

Bevi più acqua fin dal mattino

Come richiede il nostro organismo, l’acqua è preziosissima e va assunta in una quantità di almeno 2 litri al giorno, a cominciare proprio dal mattino. Un bel bicchiere d’acqua fresca ogni mattina a digiuno è ideale: si aiuta il corpo ad eliminare tossine. E ascoltare la propria sete. Molto spesso non lo facciamo. Per chi non lo sapesse, molti paesi hanno la casetta che distribuisce l’acqua. Partite con 2 bottiglie vuote e tornate con le bottiglie piene. Obiettivi raggiunti: Salute, salute, salute (mica è poco…).

Passare più tempo all’aperto

Anche d’inverno, col freddo. Una bella camminata all’aperto ogni giorno, ecco quello che farò. Mi è stato consigliato per rinforzare muscoli, cuore e polmoni. Se poi c’è il sole, sapete che aiuta la produzione di vitamina D. Visitate dunque le Ville della Riviera, andate a passeggiare lungo gli argini del grande Fiume (il Brenta vero…), compratevi o noleggiate nei nostri “bike rental” sparsi qua e là nei nostri paesi rivieraschi una bella bici e correte, pedalate. Io ho la mountain bike che rispolvererò e via! Obiettivi raggiunti: camminata o corsa in bici salutare, microeconomia in Riviera, piccole escursioni di arte e storia locale o in paesaggi naturali.

Scrivere di più a mano.

Psicologicamente viene ormai difficile. La maggior parte di noi ora ha telefonino con agenda, Ipad con agenda, computer con agenda, l’appunto lo si prende vocale. Riproviamo ad usare carta e penna, magari provando la nostra “bella calligrafia”. Vi ricordate come si fa? Scrivere a mano aiuta tantissimo il cervello così come fare calcoli a mente o dire le tabelline una volta al giorno. Obiettivi raggiunti: meno infiammazione al tunnel carpale, maggior flessibilità mentale.

Regolarsi col cibo

Lo so, è difficile. Le nostre cucine talvolta ci invitano a mangiare davvero molto ma ce la si può fare. Una buona colazione al mattino, possibilmente con cereali che rilasciano energia lentamente durante la giornata, un frutto e il nostro bicchiere d’acqua, la pasta a pranzo (non conditissima) con verdura e la cane o il pesce, sempre con la verdura, alla sera. Licenza quando andate al ristorante, specialmente se quelli della nostra Riviera del Brenta. Obiettivi: alimentazione controllata (non usiamo la parola dieta che fa rabbrividire…) e quindi più salutare, attesa di una buona scorpacciata quando si va al Ristorante con la famiglia o con gli a mici.

Infine muoversi, camminare (appunto), ballare se piace o iscriversi a qualche corso in palestra per fare attività fisica e socializzare. Vi viene in mente nulla che potete fare più spesso con il/la vostro/a partner? Dai su…non serve che questo lo suggerisca io. Fatelo…più spesso. Obiettivi raggiunti? Beh, questo non lo scrivo, arrivateci voi.

Auguri…buon 2018 dal vostro Renato Trincanato.

Renato Trincanato

Leave A Comment

CommentLuv badge