21 Novembre: “Madonna della Salute” e le normative anti CoVid. I pellegrini come saranno accolti?

Madonna della Salute 2020 a Venezia: quest’anno una ricorrenza ancora più particolare. E’ il momento in cui i veneziani (anche quelli che “non ci credono molto”) si presentano al cospetto della Madonna, si tolgono il cappello e si fanno il segno della croce (davanti alla Madonna della salute, magari frettolsamente e senza farsi vedere, bisogna farsi il segno della croce) e accompagnano moglie e figli a dire le preghiere in Basilica (ricordiamo che fu progettata da Baldassarre Longhena per chiedere la concessione di un buon stato di salute personale e la fine della nuova peste riaffacciatasi quattro secoli dopo).

Madonna della Salute church, Venice, italy


Le celebrazioni 2020 con un occhio sempre ben attento alle prescrizioni per il contenimento dell’attuale epidemia.
Oggi la Basilica della Salute rimarrà aperta dalle ore 6 alle 21.
Nei giorni precedenti e successivi il 21 novembre, l’accesso alla Basilica sarà limitato e regolamentato da un percorso.
Non verrà realizzato il tradizionale ponte votivo e saranno regolamentati i flussi, verso la Basilica della Salute, con limitazioni e contingentamenti;
Non verrà effettuato il tradizionale mercatino della Salute per i dolciumi; consentiti invece i banchetti con le candele votive;
215 persone il numero massimo all’interno della basilica in assenza di celebrazioni, 150 invece durante le messe.
Per info: https://basilicasalutevenezia.it/pellegrinaggio-annuale;

Anche in Riviera del Brenta la festa della Madonna della Salute è molto sentita. A Dolo, la chiesetta all’interno dell’Ospedale, è dedicata proprio alla Madonna della Salute e sono previsti momenti di visita e di preghiera. Tipica, sempre a Dolo, anche la famosa “Tortona del Doeo”, dolce tipico che si realizza e si gusta proprio on occasione della Madonna della Salute.

Renato Trincanato
La vita...è un viaggio. Dunque, viaggiate! Chi sono io? Prima di tutto sono fin troppo razionale...l'istinto lo uso molto poco e prima di fare delle scelte devo pensare parecchio. Sono molto realista, non mi creo illusioni, non spero in cose su cui non c'è più speranza. Accetto la realtà,ma spesso non la condivido. Sono anche romantico sotto un certo punto di vista. Sono permaloso (nei limiti): una battuta a cavolo nel momento sbagliato sul mio carattere, sul mio abbigliamento o su qualsiasi altra cosa può essere fatale per la mia ira... Sono nervoso perennemente, credo...mi preoccupo per mille persone e prima di qualche prova importante sono sempre in tensione. Sono anche molto altruista, se un amico/a ha bisogno di sfogarsi io ci sono in qualsiasi momento, garantito. Sono io.
Eventi Artistici e Culturali Feste nazionali People Rievocazioni storiche
Previous reading
“VISIONI” a Natale in libreria il nuovo libro di Maximo De Marco con la prefazione di Antonella Ponziani
Next reading
Plasma Iperimmune cercasi: appello dell’ ULSS 3