21 settembre 2018: tre giornate all’insegna della gratitudine e della solidarietà

Solidarietà

Il 21 settembre 2018 ricorrono tre importanti giornate all’insegna della pace, della gratitudine e della solidarietà: la Giornata Internazionale della Pace, la Giornata Mondiale dell’Alzheimer e la Giornata Mondiale della gratitudine.

Tre giornate simbolo che devono essere non solo un modo per non dimenticare le problematiche che affliggono la nostra Società ma che dovrebbero rappresentare un invito alla riflessione e ad azioni concrete che, anche nel nostro piccolo possono contribuire a migliorare la vita del prossimo, facendoci sentire persone migliori.

Un piccolo gesto risulta sempre e comunque significativo: un pensiero, un sorriso, un abbraccio vogliono dire tanto. Per questo è importante non dimenticare.

Giornata Internazionale della Pace

GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA PACE

La Giornata Internazionale della pace viene celebrata ogni anno il 21 settembre. Istituita il 30 novembre 1981 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, rappresenta per il mondo intero un appello in nome della cessazione delle ostilità e della non violenza.

Per una volta è necessario quindi fare una riflessione legata al bilancio degli sforzi che stiamo compiendo per promuovere la pace e il benessere per tutte le popolazioni di questa terra. Al tempo stesso La Giornata Internazionale della Pace, in tutto il mondo rappresenta l’opportunità per valutare gli obiettivi realizzati finora e l’occasione per iniziare a concentrarsi su tutto quello che c’è ancora da fare per combattere gli inutili conflitti e la distruzione portata dalle guerre che affliggono il nostro pianeta ormai devastato da tale piaga.

In tutto il mondo la La Giornata Internazionale della Pace è un’ottima occasione per proclamare il cessate il fuoco almeno per un giorno: ventiquattro ore di tregua dalla paura e dall’incertezza che affliggono così tante regioni del pianeta. Un piccolo gesto, seppur significativo che possiamo fare tutti esprimendo la nostra solidarietà attraverso gli eventi e le manifestazioni indette come ogni anno, anche sul territorio nazionale.

 

Giornata Mondiale dell'Alzheimer

GIORNATA MONDIALE DELL’ALZHEIMER

Sempre il 21 settembre ricorre anche la Giornata Mondiale dell’Alzheimer istituita nel 1994 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e da Alzheimer’s Disease International (ADI).

Tale giornata ha rappresentato il culmine del Mese Mondiale Alzheimer, ideato tre anni fa da ADI per meglio contrastare l’emarginazione sociale legata alla malattia degenerativa più devastante che ad oggi colpisce circa il 5% delle persone con più di 60 anni: in Italia si stimano circa 500 mila ammalati.

Si tratta della forma più comune di demenza senile, uno stato provocato da una alterazione delle funzioni cerebrali che implica serie difficoltà nel condurre quelle che sono le normali attività quotidiane. La malattia colpisce la memoria e le funzioni cognitive, ripercuotendosi sulla capacità di parlare e di pensare , generando confusione e disorientamento.

Anche quest’anno la Federazione Alzheimer Italia, rappresentante di ADI per il nostro Paese, ha indetto numerose iniziative in molte città italiane che si sono affiancate agli eventi in programma in tutto il mondo.: tuttavia è possibile ancora una volta, attraverso piccoli gesti, esprimere la propria solidarietà donando anche solo un sorriso o un abbraccio ai pazienti colpiti dall’Alzheimer o attraverso azioni di volontariato.

 Giornata Mondiale della Gratitudine

GIORNATA MONDIALE DELLA GRATITUDINE

In ultimo, il 21 settembre si celebra anche la Giornata Mondiale della Gratitudine ideata dal Meditation Group delle Nazioni Unite nel 1977 e pensata come un’opportunità per il genere umano di ringraziare per tutto ciò che ogni giorno vita ci offre, per tutte le cose ricevute, per quello che facciamo, per gli eroi moderni, per la famiglia allargata e per gli amici e per tutte le persone che ci circondano e che in qualche modo contribuiscono a rendere ogni giorno la nostra vita più serena.

In realtà questa giornata speciale andrebbe osservata ogni giorno: la gratitudine è considerata la madre di tutte le grandi virtù e in quanto tale un grazie dovrebbe essere la regola e non l’eccezione. Tuttavia la frenesia della società moderna ha contribuito a porre in secondo piano un valore così importante, rendendolo quasi superfluo o troppo spesso scontato.

Riflettiamoci su: un grazie non costa niente, fa sentire speciale chi lo riceve e aiuta noi a sentirci in pace con noi stessi e con tutti coloro che fanno parte della nostra vita.

Tre giornate importanti, tre spunti di riflessione su cui dobbiamo necessariamente soffermarci: custodiamo i valori che riteniamo fondamentali, impariamo a custodirli come tesori trasmettendoli alle persone che ci circondano. Nel nostro piccolo possiamo far sentire anche la nostra voce.

Veronica Bufano on EmailVeronica Bufano on FacebookVeronica Bufano on GoogleVeronica Bufano on InstagramVeronica Bufano on LinkedinVeronica Bufano on Twitter
Veronica Bufano
Veronica 37 anni, toscana dalla nascita ma ligure d'adozione ama ogni singola sfumatura che determina il concetto di "bellezza". Amante della scrittura, vive per assencondare le proprie passioni con estro e creatività ed è sicuramente la determinazione e la testardaggine a permetterle di realizzare quelli che sono i suoi sogni!
Eventi di Solidarietà
Previous reading
In libreria: L’ultima erede del Castello di Harcourt di Simona de Santis.
Next reading
Turismo 10: Santuario dell’Assunta di Borbiago (Ve)