Farro con Pomodoro e Cipolla

“Lezioni di Cucina”
“La cucina è l’arte più antica, perché Adamo è nato a digiuno.”
Anthelme Brillat-Savarin, Fisiologia del gusto

Il farro, squisito cereale ricco di proprietà benefiche, è perfetto per questa ricetta decisamente estiva. È un primo fresco e leggero, che si adatta per un pranzo in ufficio, un pasto in spiaggia, un pic nic. Non sfigurerà di certo se verrà servito a ospiti in una calda cena d’estate.

Ingredienti  (6 persone) :
250g. di farro
300g. salsa di pomodoro ( datterini)
Una cipolla
1 o 2 carote
1 o 2 gambi di sedano
1 cucchiaio di Olio Extra Vergine di Oliva
Un pizzico di zenzero e curcuma
Parmigiano reggiano q.b.
Sale e pepe q.b.

Preparazione

Lessate in abbondante acqua salata il farro e fatelo cuocere per 30 minuti abbondanti.Intanto pulite la cipolla, tagliatela grossolanamente e mettetela nel vaso del mixer.Pelate le carote, lavatele sotto l’acqua corrente e tagliatele a dadini e aggiungetele alla cipolla.Unite anche il sedano lavato e tagliato a rondelle, il cucchiaio di olio  e qualche cucchiaio di passata di pomodoro.Azionate il mixer e tritate tutto fino ad ottenere una salsa liscia.Versate la salsa in un pentolino, aggiungete la restante salsa di pomodoro, lo zenzero e la curcuma, aggiustate di sale e pepe e fate cuocere per una decina di minuti.Scolate il farro e conditelo con la salsa di pomodoro e spolverizzate con del parmigiano reggiano e una macinata di pepe fresco.

Consiglio

Il farro, essendo un prodotto che si acquista secco, può essere conservato per un lungo periodo. L’unica accortezza è mantenerlo al riparo dall’umidità.

  • Cottura: 30 minuti
  • Preparazione: 20 minuti
  • Costo: basso

Curiosità

Dante Alighieri, nel tredicesimo canto dell’Inferno della Divina Commedia, paragona la trasformazione dell’anima alla germinazione del farro. Un’ulteriore prova – se ce ne fosse bisogno – della nobiltà di questo cereale.

Vino abbinato

Vino Bianco Fermo, di medio corpo, in particolare con vini prodotti in Calabria.

 

Alessandro Antignani
Sono napoletano di nascita e veneto d'adozione, sono arrivato in Veneto , a Lovadina di Spresiano per l'esattezza, in un giorno di Maggio nel 2007 per un trasferimento lavorativo che doveva essere solo di pochi mesi e invece è divenuto per sempre. Scrivo perchè mi piace e mi fa stare bene, MeMagazine mi ha dato quest'opportunità di esprimermi attraverso una rubrica di cucina .Per citare Flaubert "Scrivere è un modo di vivere", nel mio caso è così: non concepirei una vita senza la scrittura e, ovviamente, senza il suo complemento indispensabile, la lettura.
LIFESTYLE Ricette di Cucina
Previous reading
Viaggio alla scoperta del femminile
Next reading
IPERrun 2018: correre fa del bene!