LE PERSONE AL CENTRO

Gauguin e gli Impressionisti in mostra a Padova presso Palazzo Zabarella

Collezione Ordrupgaard Palazzo Zabarella

Fino al 27 gennaio 2019 Padova ospita presso Palazzo Zabarella, l’esposizione di capolavori “Gaugain e gli Impressionisti” direttamente dalla collezione del museo danese Ordrupgaard. Dopo aver fatto girare la testa agli amanti dell’arte presso la National Gallery of Canada, finalmente anche l’Italia potrà apprezzare una panoramica di opere di inestimabile valore che hanno segnato la storia dell’arte.

Gauguin e gli Impressionisti. Capolavori dalla Collezione Ordrupgaard consentirà al pubblico italiano di ammirare una strepitosa selezione di opere, nonché il fiore all’occhiello della Collezione creata ai primi del Novecento dal banchiere, assicuratore e Consigliere di Stato Wilhelm Hansen e da sua moglie Hennyad oggi considerata come una delle più belle raccolte europee di arte impressionista e che anche a seguito della Prima Guerra mondiale veniva valutata come “senza rivali nel nord Europa“.

Mostra Gaugain e gli impressionisti Padova

GAUGAIN E GLI IMPRESSIONISTI: CAPOLAVORI DALLA COLLEZIONE ORDRUPGAARD

Dipinti, o più correttamente capolavori realizzati da artisti considerati “colossi dell’arte” quali  Cézanne, Degas, Gauguin, Manet, Monet, Berthe Morisot, Renoir, Matisse sono proposti all’interno della mostra “Gauguin e gli Impressionisti“.  La Fondazione Bano e il Comune di Padova sono entrati, unici per l’Italia, nel pool di quattro grandi sedi mondiali selezionate ad accogliere la celebre Collezione danese, eccezionalmente disponibile per il completo rinnovo del Museo che ad essa è dedicato a Copenaghen. In questi mesi la mostra Gauguin e gli Impressionisti è stata protagonista presso la National Gallery of Canada, per raggiungere quindi l’Italia, presso il pregevole Palazzo Zabarella a Padova per poi concludersi a fine gennaio 2019 in una sede svizzera, prima di rientrare definitivamente all’Ordrupgaard Museum, a nord di Copenaghen.

Padova Mostra Gaugain e gli impressionisti

COME NASCE LA COLLEZIONE ORDRUPGAARD

Come nasce quindi questa meravigliosa collezione Ordrupgaard? Hansen, fu affascinato dalla nuova pittura francese in occasione del suo primo viaggio d’affari a Parigi nel 1893, seguito da metodiche visite al Salon, alle gallerie e ai musei. Nel 1915 quindi intraprese il progetto di creare una collezione di arte francese all’altezza della sua collezione danese: in tutto questo non fu certo estranea l’idea che l’arte francese fosse destinata ad un rapido incremento di valore risultando quindi un perfetto investimento purché fossero raccolte le opere realmente più importanti sul mercato.

Tale scelta spiega la presenza di una concentrazione così elevata di capolavori a caratterizzare la collezione: dal 1916 al 1918, Hansen riuscì a creare una raccolta che il suo collega collezionista svedese Klas Fåhræus avrebbe descritto come la “migliore collezione impressionista al mondo“.
Per finanziare l’acquisto di opere d’arte, Hansen creò un Consorzio, nel quale coinvolse amici facoltosi, interessati a portare in Danimarca la nuova arte francese e in particolare gli Impressionisti, gli artisti che li hanno preceduti, i loro due successori, Cézanne e Gauguin.

Nell’immediato dopoguerra, il Consorzio colse le occasioni che il mercato offriva, acquistando intere importanti collezioni e singole opere d’eccezione. Nella primavera del 1918, riuscì ad investire oltre mezzo milione di franchi per comperare opere offerte nelle aste della tenuta di Degas, che misero sul mercato la sua favolosa collezione d’arte.Hansen costruì poi una nuova Galleria per esporre la collezione nella quale una volta la settimana, il pubblico poteva ammirare le sue 156 opere che spaziavano dalle tele neoclassiche e romantiche, con David e Delacroix, al realismo e all’impressionismo, al post-impressionismo con Cézanne e Gauguin, e infine Matisse come il primo dei fauve.

Gauguin e gli Impressionisti Capolavori dalla Collezione Ordrupgaard
Tuttavia nel 1922, la Landmandsbanken (la banca danese degli agricoltori), fallì trascinando nel suo fallimento anche il finanziere e collezionista che, al fine di evitare il tracollo, decise di “svendere” i suoi quadri francesi: solo dopo la ripresa decise di ricostruire la nuova collezione acquisendo opere quali Ritratto di George Sand di Delacroix, una Marina a Le Havre di Monet, Il Lottatore di Daumier e la favolosa interpretazione di Courbet del Capriolo nella neve .Ultimo acquisto fu di un piccolo pastello di Degas, raffigurante una ballerina che si chinava per aggiustarsi la scarpetta. Il pastello era stato in precedenza di proprietà di Paul Gauguin, grande ammiratore di Degas, che aveva incorporato il pastello sullo sfondo di una delle sue immagini di fiori.

Oggi finalmente anche in Italia è possibile ammirare questa raccolta inestimabile di capolavori: un’occasione unica a cui gli estimatori di opere d’arte non potranno rinunciare. Un appuntamento unico e di pregio da cogliere al volo fino al 29 gennaio 2019.

Gauguin e gli Impressionisti Capolavori dalla Collezione Ordrupgaard Padova

COME VISITARE LA MOSTRA “GAUGUIN E GLI IMPRESSIONISTI”

La mostra “Gauguin e gli impressionisti” sarà visionabile fino al 29 gennaio 2019 presso Palazzo Zabarella a Padova dal martedì alla domenica (con chiusura il lunedì) dalle h.10 alle h.19 al prezzo di 13€ (ridotto 10€).

E’ possibile richiedere informazioni sia tramite mail a info@palazzozabarella.it che telefonicamente al n. Tel. (+39) 049-8753100. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito ufficiale.

Veronica Bufano on EmailVeronica Bufano on FacebookVeronica Bufano on GoogleVeronica Bufano on InstagramVeronica Bufano on LinkedinVeronica Bufano on Twitter
Veronica Bufano
Veronica 37 anni, toscana dalla nascita ma ligure d'adozione ama ogni singola sfumatura che determina il concetto di "bellezza". Amante della scrittura, vive per assencondare le proprie passioni con estro e creatività ed è sicuramente la determinazione e la testardaggine a permetterle di realizzare quelli che sono i suoi sogni!
Eventi Artistici e Culturali
Previous reading
No Gender Make Up: di che si tratta?
Next reading
Occhi gonfi: sintomi, cause e rimedi naturali