Mondomiss e mister…..:belli dentro e fuori! Martina Di Luzio

No, no, no, non sono sparito! Il periodo è quello delle grandi organizzazioni. Ve ne parlerò. Sta di fatto che il tempo è davvero pochissimo e le cose da pubblicare sono molte. Un po’ di tempo per Martina ora l’ho trovato. E’ obbligatorio. Martina, rivierasca di Cazzago, è sicuramente la ragazza con più “rigore e disciplina” che io abbia conosciuto. Ed ora capirete il perchè. Ed oltretutto è bellissima. Dai, conosciamola.

Martina Di Luzio 17 anni

 17 anni

Raccontati..

Vengo da Cazzago, in provincia di Venezia. Sono una ragazza decisa, determinata e con un grande senso del dovere. La mia passione, fin da piccola, è il mare, per questo frequento l’Istituto Tecnico Nautico di Venezia, dove vengo preparata per diventare un ufficiale della Marina Mercantile. Amo molto il mio sport, il karate, che pratico come atleta agonista e la musica. Quest’ultima è per me molto importante. Dall’età di 6 anni mia madre mi ha insegnato a suonare il pianoforte e cantare e da circa 5 anni sono in una scuola privata di musica.

“Vuoi provare a scattare qualche foto come modella?” Questa frase, cosa ti suscita? La accetteresti da chiunque?

Dipende molto dalla persona che me lo chiede, ma in generale sono molto diffidente. Non la accetterei con molta facilità, ma se vedo che me lo propone una persona fidata allora non esito, e lo faccio molto volentieri!

 “Tutti i genitori mettono in guardia da queste frasi e prima di provare penso siano servite delle discussioni” Cosa dicono ora i tuoi genitori? Ti danno una mano?

I miei genitori mi hanno sempre insegnato ad essere molto indipendente e ad arrangiarmi su tutto, non mi mettono in guardia da queste frasi perché sanno che io, per prima, sto attenta.

Come è stato scattare un servizio di moda in una villa del 700 circondata da amici e colleghi?

Una sola parola: Fantastico!

Hai iniziato molto giovane. Che aspettative hai pensando a te sulla passerella?

Nessuna a dire il vero. Lo faccio per puro divertimento, per soddisfazione personale, ma non punto in alto. Ho altre aspettative nella vita, altri sogni. Devo seguire la mia carriera di ufficiale, che non mi potrà permettere di seguire in contemporanea una carriera sulla passerella.

Concorsi di bellezza, ne hai fatti? Com’è questo mondo?

Si ne ho fatti parecchi, e ho notato che questo è un mondo molto competitivo, spesso pieno di invidie da parte delle compagne. Questo lato non mi piace per niente, soprattutto perché magari ai concorsi hai bisogno di una mano dietro le quinte, anche per semplici cose, e ti ritrovi spesso da sola. Ognuna pensa per sé, e purtroppo anche le compagne che sembrano simpatiche e disponibili, spesso si sono rivelate tutt’altro.

Cos’è la disciplina per te?

La disciplina per me è il senso del dovere, determinazione e il rispetto verso il prossimo.

La moda è una delle eccellenze del “made in Italy”. Secondo te come si fa moda e tendenza? 

Devo ammettere che di moda non me ne intendo molto. Penso che si faccia creando nuovi prototipi, che siano più particolari e non monotoni, in modo tale da creare un qualcosa che si noti, e che aumenti la tendenza.

Martina a sx con Asia al centro e Sara a dx. Indossano 3 meravigliosi abiti dell’Atelier Comindo di Arzeregrande.

Ricordi un brutto momento della tua carriera?

Sinceramente no, i miei concorsi sono sempre andati bene, a mio parere. E se anche ho avuto qualche sconfitta, dovuta al fatto che magari avevo troppe aspettative, l’ho sempre presa come una cosa costruttiva e non mi sono mai buttata giù.

E il momento più bello?

Quando al mio primo concorso ho vinto la fascia più importante, con la coroncina. Non me l’aspettavo, il che ha reso tutto più bello.

Scuola e Miss….come riesci a conciliare?  

La mia scuola è molto impegnativa e richiede molto studio, però riesco ad organizzarmi sempre al meglio. E comunque, anche se ultimamente vengo chiamata sempre più spesso per partecipare a dei concorsi o sfilate, la passerella non mi occupa molto tempo.

Pensi mai al futuro?

Si, sempre. Alla fine quello che faccio, lo faccio proprio perché sto cercando di costruirmi un futuro che mi renda felice. Studio molto, penso a realizzare la mia carriera, il mio sogno. Ammetto di aver spesso paura che qualcosa possa andare storto, e molte volte mi è capitato di voler mollare, ma alla fine la determinazione ha sempre vinto!

Il tuo colore preferito? Giallo!

Il motto che ti “rappresenta”? Meglio crepar in avanzata che campar in ritirata!

A come “amore”???

Non ho il ragazzo e sinceramente non lo sto nemmeno cercando per ora. Sono del pensiero che sono ancora giovane, e per ora mi concentro sulla scuola, per terminare al meglio gli studi.

Che dire di Martina? Auguri da parte di tutti noi di MeMagazine. Un “Ufficiale di marina”, campionessa di Karate e che suona il pianoforte….non è da tutti i giorni.

Grazie a Barchessa Valmarana per averci ospitati. Naturalmente vi aspettano per visite e perchè no, per organizzare feste e matrimoni.

Sempre bellissimi gli scatti di Marco Brugnoli 

Martina, Asia e Sara in Barchessa Valmarana a Mira
Marina nello splendido parco della Barchessa Valmarana a Mira-Ve

Un grandissimo grzie all’atelier COMINDO per gli abiti delle modelle.

Natutalmente vi aspetta con moda UOMO-DONNA-BAMBIMO ad Arzergrande.

 

Renato Trincanato
La vita...è un viaggio. Dunque, viaggiate! Chi sono io? Prima di tutto sono fin troppo razionale...l'istinto lo uso molto poco e prima di fare delle scelte devo pensare parecchio. Sono molto realista, non mi creo illusioni, non spero in cose su cui non c'è più speranza. Accetto la realtà,ma spesso non la condivido. Sono anche romantico sotto un certo punto di vista. Sono permaloso (nei limiti): una battuta a cavolo nel momento sbagliato sul mio carattere, sul mio abbigliamento o su qualsiasi altra cosa può essere fatale per la mia ira... Sono nervoso perennemente, credo...mi preoccupo per mille persone e prima di qualche prova importante sono sempre in tensione. Sono anche molto altruista, se un amico/a ha bisogno di sfogarsi io ci sono in qualsiasi momento, garantito. Sono io.
LIFESTYLE People
Previous reading
Stefano Bonetti: il mio TT (Tourist Trophy 2017)
Next reading
Quiche alle zucchine