Palio del Ruzante 2018: Campolongo Maggiore Vince.

A Fiesso D’Artico si è respirata aria di grande successo oggi.
La 14^ edizione del Palio del Ruzante è rivelata un grandissimo successo.

Davvero una partecipazione in massa di visitatori già dall’inizio del corteo storico che si è snodato lungo le vie di Fiesso D’Artico. Oltre 200 i figuranti, tutti rigorosamente in costume d’epoca così come i partecipanti delle squadre di Campolongo Maggiore, Vigonovo, Dolo e St. Marcelin (Francia), vestiti da popolani.
Ricordiamo che tutti i costumi sono stati messi a disposizione dalla pro loco di Fiesso D’Artico che è anche l’associazione organizzatrice della manifestazione.

Oltre a quella di Fiesso D’Artico, altre Pro Loco hanno collaborato: Stra, Campolongo Maggiore, Dolo,  Camponogara.

Ottima l’affluenza ai gazebo di cucina.

Anche il mercatino dei bambini ha avuto un ragguardevole successo di iscrizioni e visitatori.

La presenza di Miss Riviera del Brenta in carica, Elisa Bellocchi, 17enne di Mestre, ha poi dato un tocco di bellezza in più ai già bellissimi figuranti in costume. Elisa ha sfilato al corteo storico e ha poi premiato i vincitori.

Raffaela Barbato, presidente della Pro Loco di Fiesso D’Artico, ci tiene a ringraziare le amministrazioni di Fossò, Campolongo Maggiore, Mira, Vigonovo e della sua Fisso D’Artico oltre all’Unione dei Comuni città della Riviera del Brenta. Ma il grazie più grande, dice Raffaela, va ai nostri sponsor perché senza di loro nulla si potrebbe fare e naturalmente a tutti coloro che si sono adoperati per la buona riuscita della manifestazione.

  

Il Palio del Ruzante ci aspetta l’anno prossimo per la sua 15^ edizione con l’auspicio che tutti i paesi della Riviera del Brenta e limitrofi siano rappresentati dalla loro squadra.

I complimenti di Memagazine a Campolongo Maggiore che si è aggiudicato il 14° palio dipinto a mano da un pittore locale.

 

Renato Trincanato
La vita...è un viaggio. Dunque, viaggiate! Chi sono io? Prima di tutto sono fin troppo razionale...l'istinto lo uso molto poco e prima di fare delle scelte devo pensare parecchio. Sono molto realista, non mi creo illusioni, non spero in cose su cui non c'è più speranza. Accetto la realtà,ma spesso non la condivido. Sono anche romantico sotto un certo punto di vista. Sono permaloso (nei limiti): una battuta a cavolo nel momento sbagliato sul mio carattere, sul mio abbigliamento o su qualsiasi altra cosa può essere fatale per la mia ira... Sono nervoso perennemente, credo...mi preoccupo per mille persone e prima di qualche prova importante sono sempre in tensione. Sono anche molto altruista, se un amico/a ha bisogno di sfogarsi io ci sono in qualsiasi momento, garantito. Sono io.
Rievocazioni storiche
Previous reading
Il “DSL European Tour” attraversa l’oceano e diventa “World Tour”
Next reading
Quattro Serate alla Riscoperta della Storia Veneta