Recensione Libro : La Scuola Nel Cuore di Riccardo Abati

E’ con immenso piacere che questo mese voglio proporvi il libro di un bravissimo scrittore, già noto per aver vinto prestigiosi premi letterari con opere precedenti.

Mi riferisco al professor Riccardo Abati con “La scuola nel cuore” edito da Leone Editore.
Non si tratta di un romanzo ma di una raccolta di lettere che l’autore ha redatto in risposta a studenti e colleghi su particolari avvenimenti o sprazzi di vita comune che si è trovato ad affrontare nel corso della sua lunga carriera di docente.

Questo libro non solo è molto piacevole da leggere, anche se alcuni argomenti meritano una rilettura attenta e approfondita,  ma è colmo di contenuti  che possono essere un valido aiuto e sostegno a genitori ed educatori per rispondere alle molteplici incognite dell’universo adolescenziale.
Il tono delle lettere è colmo di una umanità profonda e di un grande affetto e rispetto per l’interlocutore, con un occhio di riguardo per gli studenti, per i loro dubbi, le loro domande e infonde loro  la giusta speranza e la reale aspettativa per il futuro.

Il professor Abati dipinge una scuola che esce completamente dallo stereotipo che abitualmente siamo abituati a vedere: libri, voti, interrogazioni, studenti demotivati e lezioni più o meno interessanti. Parla di ragazzi bisognosi di una parola di conforto e di un aiuto che non sempre arriva da casa, non tanto per incapacità dei genitori ma più che altro per difficoltà di comunicazione; mostra insegnanti disposti a concedere parte del loro tempo libero ai propri studenti spinti da affetto e non da obbligo; spiega una società sempre più dura e fredda, dove è difficile integrarsi e dove o fingi di essere come la massa o, per non venirne inglobato, senti il bisogno di fuggire.
“L’educazione ci modifica, ci cambia dentro e ci fa comprendere che ogni persona, per vivere pienamente la propria dignità e riconoscere e rispettare quella degli altri, ha bisogno sì delle conoscenze, ma anche della presenza costruttiva dell’altro” scrive l’autore nel capitolo “Viaggiare dà forza all’ educare”.

È evidente, in alcune parti del libro, il desiderio di dare una mano a questi giovani che spesso “si stanno lasciando scivolare tra le dita occasioni e il tempo si sta perdendo nella sabbia di una spiaggia sbattuta dal vento di libeccio”.

Il monito che dà ai suoi studenti è: “non studiate per il voto fine a sé stesso, ma studiate per spegnere la sete e saziare la fame di giustizia, di pace, di solidarietà che è in voi e in questa nostra società sempre più complessa e distratta. La società ha bisogno di voi, ma anche voi avete bisogno di chi è parte di una comunità”.

È proprio un peccato per le generazioni a venire che l’anno scolastico appena concluso sia l’ultimo per il professore che ha raggiunto la pensione, ma sono sicura che non lascerà del tutto il cammino dei suoi studenti e dei suoi fedeli lettori; come scrive nel libro “non perdete mai il senso più vero della vita: la certezza di essere persone amate”.

L’autore:

Il Professor Abati si è specializzato in Istituzioni e tecniche di tutela dei diritti umani presso l’Università di Padova dove è stato lui stesso docente; ha conseguito il diploma quadriennale in Teologia presso l’Istituto Teologico Sant’Antonio Dottore di Padova e ha insegnato matematica e scienze presso gli istituti secondari di primo grado “Giovanni XXIII” di Pianiga (Ve), “Cordenons” di Santa Maria di Sala (Ve) e “Gramsci” di Camponogara (Ve). È autore di saggi di storia locale, ha pubblicato articoli di didattica su Riviste e alcuni romanzi come “Se hai occhi ascolta”, “La foresta liquida” e “Shoah in bianco e nero” e da poco è uscita la sua raccolta di poesie “Macramè”.

Volete acquistare il libro? Eccolo qui!

MeMagazine on EmailMeMagazine on FacebookMeMagazine on GoogleMeMagazine on InstagramMeMagazine on Twitter
MeMagazine
MeMagazine siamo noi. MeMagazine sei tu. Questo profilo serve per pubblicare tutti gli articoli delle persone che vogliono rimanere anonime o di chi scrive sporadicamente e non vuole impegnarsi troppo. Vuoi scrivere? Contattaci.
Libri LIFESTYLE
Previous reading
Uomini : Quanta Entropia Avete in Testa?
Next reading
Un Gioiello Ritrovato: Villa Canal Manfredini