Riviera del Brenta e Terra del Tiepolo, La Nuova Riorganizzazione Turistica

15 Dicembre 2016 è stata una giornata importante. E’ avvenuta la storica firma dei 17 comuni dell’area con le associazioni di categoria ed enti pubblici e privati per la riorganizzazione del sistema “turismo” e la futura promozione.

Con la firma del protocollo d’intesa del 15 Dicembre’16 tra i 10 comuni dell’area rivierasca e i 7 comuni del miranese, le associazioni di categoria, enti pubblici, privati, Università di Venezia, si chiederà il riconoscimento dalla Regione del Veneto della 15^ Ogd regionale: “Riviera del Brenta e Terra dei Tiepolo”.

Sono complessivamente 14 a oggi le OGD del Veneto formalmente individuate, ognuna delle quali proprio in queste settimane sta adottando il proprio Piano Strategico di Gestione della Destinazione.

“Le ODG sono di fatto le nuove protagoniste nell’ambito dell’organizzazione turistica regionale. Sono dei veri e propri presidi delle diverse destinazioni, che attraverso la cooperazione tra soggetti pubblici e privati governano lo sviluppo dei prodotti turistici, il consolidamento dell’offerta, la gestione unitaria delle funzioni di informazione, accoglienza turistica, promozione e commercializzazione dei prodotti della destinazione stessa”.

“In uno scenario di costante evoluzione della domanda turistica, la Regione del Veneto ha opportunamente rinnovato e ridefinito la governance del settore, ponendo al centro il turista e affidando agli operatori il compito di costruire e proporre un’offerta capace di essere competitiva sui mercati internazionali. Al turista devono essere offerti la miglior accoglienza, il miglior soggiorno e il miglior prodotto complessivo possibile, inteso come risorse, infrastrutture e servizi, grazie al lavoro d’insieme svolto da chi ha competenze in un ambito territoriale turistico”.

Le Organizzazioni di Gestione delle Destinazioni , infatti devono avere come obiettivo l’organizzazione di una o più delle seguenti attività: la governance del territorio; l’organizzazione, gestione e aggiornamento delle informazioni sull’offerta turistica locale; la qualificazione dei servizi e dei prodotti turistici della destinazione; la creazione e lo sviluppo di sinergie e forme di cooperazione fra soggetti pubblici e privati coinvolti nel governo della destinazione e dei prodotti turistici, al fine di rafforzare il sistema di offerta e di mettere tali soggetti nelle condizioni di operare, il più possibile, in modo unitario nell’esercizio delle loro funzioni di promozione e commercializzazione.

L’auspicabile creazione dell’OGD “Riviera/Miranese”, appartenente al Sistema Turistico Tematico “Città d’arte, centri storici, città murate e sistemi fortificati e ville venete”, è stata promossa e coordinata dall’Unione dei Comuni Città della Riviera del Brenta Pr. La componente pubblica, oltre alla Città Metropolitana di Venezia, nella rappresentante San Servolo Servizi Metropolitani,  comprende la Camera di Commercio di Venezia e Rovigo e delta Lagunare  e i seguenti Comuni: Campagna Lupia, Camponogara, Campolongo Maggiore, Fiesso D’Artico, Fossò, Dolo, Mira, Pianiga, Stra, Vigonovo, Mirano, Santa Maria di Sala, Noale, Scorzè., Martellago, Salzano e Spinea.

La componente privata, invece, è formata da: ACRIB, Confindustria Venezia, Confcommercio ASCOM RdB, Confcommercio-Imprese, Confesercenti, Coldiretti, C.I.A. Rdb e Miranese, Confagricoltura, Confartigianato Rdb e Miranese, C.N.A., VELA Spa,  Consorzio di promozione turistica Città d’Arre del Veneto,  Consorzio del Decumano, Consorzio delle Proloco Brentadige, UNIVE Ca’ Foscari Dip. Turismo, CISET, IRVV, Fondazione Riviera Miranese, Fondazione Banca di Santo Stefano, ACLI Mirano, FIAB.

Tutto questo è frutto di anni di lavoro, incontri, discussioni, partecipazioni, del sottoscritto e dei sindaci, del Rag, Paolo Vecchiato (che mi permetto ringraziare in maniera particolare) dell’Unione dei Comuni, e Dell’Ass. Lino Manente, altra figura emblematica del miranese.

In questo giorno avrei dovuto fare anche io un piccolo intervento sulle “opportunità” del turismo in ambito lavorativo e l’importanza degli stage scolastici nelle strutture di zona.

Vittima però di un problemino salutare (mi scuso), ho lasciato lo spazio alle presidi degli istituti superiori.

 

Renato Trincanato
La vita...è un viaggio. Dunque, viaggiate! Chi sono io? Prima di tutto sono fin troppo razionale...l'istinto lo uso molto poco e prima di fare delle scelte devo pensare parecchio. Sono molto realista, non mi creo illusioni, non spero in cose su cui non c'è più speranza. Accetto la realtà,ma spesso non la condivido. Sono anche romantico sotto un certo punto di vista. Sono permaloso (nei limiti): una battuta a cavolo nel momento sbagliato sul mio carattere, sul mio abbigliamento o su qualsiasi altra cosa può essere fatale per la mia ira... Sono nervoso perennemente, credo...mi preoccupo per mille persone e prima di qualche prova importante sono sempre in tensione. Sono anche molto altruista, se un amico/a ha bisogno di sfogarsi io ci sono in qualsiasi momento, garantito. Sono io.
TERRITORIO VIAGGI
Previous reading
5 startup e Scalup Insurtech da Tenere d’Occhio nel 2017
Next reading
Duemila _17: START-UP!