San Martino: tradizione da rispettare con il cavallo di pastafrolla.

Anche in questo anno particolarmente duro, le ricorrenze arrivano e le tradizioni, cari miei amici lettori e lettrici, vanno rispettate. A Venezia e provincia ma anche nel padovano, l’11 Novembre si prepara il cavallo con cavaliere che simboleggia San Martino, rigorosamente di pastafrolla e dolci.

Direi che, essendo particolarmente facili da preparare, vi do la ricetta e la preparazione e buon San Martino a tutti. Aspetto i vostri pubblicati nelle nostre pagine facebook o instagram e vediamo chi avrà più “like”.

  • Difficoltà Media
  • Costo Economico
  • Tempo di preparazione 45 Minuti
  • Tempo di cottura 15 Minuti
  • Porzioni dosi per n. 2 – 3 biscotti di San Martino
  • Metodo di cottura Forno
  • Cucina Italiana

dosi per n. 2 – 3 biscotti di San Martino

  • 130 gburro (morbido)
  • 250 gfarina 00
  • 80 gzucchero
  • 1tuorlo

Materiale per fare lo stampo homemade

  • 1 foglio di carta A4
  • Pennarello
  • Forbici

Strumenti per la pasta frolla

  • Ciotola
  • Pellicola per alimenti
  • Mattarello
  • Carta forno (o tappetino in silicone da forno)
  • Coltello con la punta (ben affilato)

Prima di tutto creare lo stampo in carta della sagoma del Santo a cavallo

*) ve ne allego uno da poter copiae e stampare in un foglio. Una volta ritagliato, trasferirlo su cartone cosicchè sia più stabile e non si muova quando si deve ritagliare la pasta.

  1. Preparare la PASTA FROLLAMettere in una ciotola: il burro morbido a pezzetti (130 g) , la farina (250 g), lo zucchero (80 g) ed il tuorlo. Tenere da parte l’albume servirà per fare la glassa di decoro, oppure si può congelare. Lavorare l’impasto con la punta delle dita finché il composto non diventa sabbioso e poi omogeneo sia nella consistenza che nel colore. Se la pasta frolla è troppo morbida aggiungere della farina, se troppo dura aggiungere dell’acqua fredda. Creare una palla omogenea e coprirla con la pellicola alimentare, riporla nel frigorifero per almeno 30 minuti o in freezer per 10 minuti. Spianare la pasta frolla su un foglio di carta da forno (o un tappetino in silicone per forno) a circa 5 – 7 mm, poggiarci sopra la sagoma cartacea di San Martino e ritagliarne i contorni con la punta di un coltello affilato.
  2. COTTURA Cuocere la base di di San Martino in forno statico già caldo a 180° per circa 15 – 20 minuti o fino a che i bordi del biscotto iniziano a colorare leggermente ed il biscotto è ancora morbido. Togliere immediatamente dal forno, raffreddandosi si solidificherà.CONSIGLIO di maneggiare con attenzione il biscotto sia prima che dopo la cottura, questo tipo di sagoma è molto fragile. Decorare a piacere.

DECORARE

Io ho decorato il biscotto di San Martino con una ghiaccia reale morbida. Preparata con albume e zucchero a velo setacciato (4 volte il peso dell’albume). Prima ho montato a neve ben ferma l’albume e poi ho aggiunto lo zucchero a velo poco alla volta, mescolando sempre alla massima velocità con la planetaria. Quindi con una sacca da pasticcere ho decorato il San Martino e ho posto sopra i dolcetti, dopo qualche ora la ghiaccia reale si era secca e dura.

In alternativa:

– fondere a bagnomaria (o con il microonde) del cioccolato fondente e versarlo sopra al biscotto di San Martino per utilizzarlo come “colla” per i dolcetti

Renato Trincanato
La vita...è un viaggio. Dunque, viaggiate! Chi sono io? Prima di tutto sono fin troppo razionale...l'istinto lo uso molto poco e prima di fare delle scelte devo pensare parecchio. Sono molto realista, non mi creo illusioni, non spero in cose su cui non c'è più speranza. Accetto la realtà,ma spesso non la condivido. Sono anche romantico sotto un certo punto di vista. Sono permaloso (nei limiti): una battuta a cavolo nel momento sbagliato sul mio carattere, sul mio abbigliamento o su qualsiasi altra cosa può essere fatale per la mia ira... Sono nervoso perennemente, credo...mi preoccupo per mille persone e prima di qualche prova importante sono sempre in tensione. Sono anche molto altruista, se un amico/a ha bisogno di sfogarsi io ci sono in qualsiasi momento, garantito. Sono io.
Fiere People Racconti di Viaggio Ricette di Cucina Sapori e Profumi
Previous reading
Turismo, un’estate da dimenticare. Persi 100 miliardi, con 65 milioni di presenze in meno ma…non se ne parla.
Next reading
2020 Anno da dimenticare: ultimo saluto anche a Stefano D’Orazio, batterista storico dei Pooh.