Soli siamo Forti… Insieme siamo Eccezionali

Spesso abbiamo la convinzione, e la necessità, di credere che come facciamo noi le cose non le fa nessuno. Che se non ci penso io, non ci pensa nessuno. Ti svelo un segreto, NON è così!

Ogni grande imprenditore, ogni leader di successo, ogni genitore felice, ha saputo scegliere le persone di cui circondarsi, ha saputo scegliere come lavorare, parlare, condividere e confrontarsi con loro. Hai ragione, lavorare con persone che hanno sogni, aspettative e caratteri diversi è difficile, ma non impossibile.

Inauguriamo quindi una serie di articoli grazie e con i quali capiremo come poterlo fare nel migliore dei modi. Riusciremo a creare una squadra efficace ed efficiente, a migliorare il gruppo di lavoro di cui facciamo già parte…pensare quindi come i moschettieri “ uno per tutti e tutti per uno “ 😉 .

Nel mondo dello sport, giocare per un unico ideale è apparentemente semplice. Hanno tutti la stessa maglia, lo stesso allenatore, gli stessi obiettivi societari e vengono incitati tutti dalla stessa tifoseria. Solamente questo sarebbe un vantaggio strepitoso se tutte queste cose tutti le sentissero nel proprio cuore, a volte così non è. Ed allora ci troviamo difronte un gruppo di persone che fa ciò che fa, per se stesso, che porta a termine il proprio compitino senza avere chiaro il disegno più grande. Motivo per il quale alcune squadre si limitano a “sopravvivere” per alcuni mesi del proprio campionato…ad un certo punto accade qualcosa che cambia tutto ed iniziano a vincere. Cosa è successo?

E’ cambiata la motiv-azione. E’ cambiato il cuore, il perché faccio ciò che faccio e quindi il come lo faccio. Allora diventano una forza inarrestabile.

Vivere e lavorare con altre persone avendo in mente uno scopo comune porta in risonanza tutte le cellule dei nostri corpi che a quel punto non sviluppano più la somma delle singole energie, ma la amplificano in maniera esponenziale. Anche la famiglia è un esempio di team vincente, o perdente in alcuni casi e quindi le strategie da applicarvi, sono le medesime.

Quindi, come puoi capire cosa è meglio fare? Quali sono i comportamenti e gli atteggiamenti migliori per ottenere un cambio di passo così potente?  Non cercare soluzioni strane, non  ti serve! Ciò di cui hai veramente bisogno è di porti e porvi delle domande.

A seguire troverai la ricetta per iniziare a creare, o ricreare il tuo team vincente. Quindi, chiedetevi:

– Dove stiamo andando? Che cosa vogliamo dalla situazione attuale? Cioè, abbiamo tutti ben chiaro il perché facciamo ciò che facciamo?
– Quando lo avremo raggiunto, come capiremo di averlo fatto?
– Di chi o cosa abbiamo bisogno per raggiungere i risultato tanto atteso?

E’ necessario che gli obiettivi attesi, sia dall’individuo che dal gruppo, siano condivisi. Non è sufficiente che il leader, il capo, il/la titolare li comunichino, è obbligatorio crearli insieme, definendone tempistiche e “piano d’avanzamento”.

Ecco come fare.  Insieme stabilite:

1- Obiettivo atteso;
2- Tempi di realizzazione, definite la data entro cui il vostro obiettivo dovrà sicuramente trasformarsi in un risultato ottenuto;
3- Che cosa è necessario fare, chiaritevi, e scrivete, tutte le azioni che vi servono per avanzare in maniera inarrestabile verso il vostro obiettivo;
4- Ordine d’esecuzione, Definite nel dettaglio che cosa fare prima e cosa dopo;
5- Chi fa che cosa;
6- Micro obiettivi intermedi, createvi dei micro obiettivi che ad ogni micro successo ottenuto possano darvi un nuova carica verso il successivo;

Ti faccio un esempio. Voglio costruire la mia nuova casa (obiettivo), decido entro quando voglio andare a viverci (tempi di realizzazione), comprare i mattoni, fare l’impianto idraulico, quello elettrico ecc (che cosa è necessario fare), (ordine d’esecuzione), chiamo l’idraulico, l’elettricista, il piastrellista ecc (chi fa cosa), mi do delle date entro cui l’idraulico avrà finito, l’elettricista avrà consegnato il lavoro e così via (obiettivi intermedi) e, mattone dopo mattone, la casa sarà finita (risultato ottenuto),

Bravo! Bravi! Avete lavorato in sinergia, avete l’uno influenzato l’altro, avete finalmente raggiunto quell’obiettivo che tanto avevate desiderato ma che facevate fatica ad ottenere.

Seguendo questi primi 6 piccoli passi vedrai che otterrete una chiarezza ed una motivazione speciali. Sopratutto, raggiungerete i vostri obiettivi in maniera rapida, divertente e coinvolgente.

Buon lavoro…buona costruzione!

 

Autore: Francesco Bauso

La solidità di un team, oggi, è tutto.
Sia in termini di crescita professionale e personale che in termini economici.
Food & Beverage Manager e Professional Coach Certificato che aiuta a creare e gestire team di successo. Creatore e autore di The Barman Academy e il videocorso Io Barman per aiutare i professionisti del mondo dell’accoglienza ad essere ancora più impattanti, memorabili e quindi vincenti.
Autore del libro ” TEAM VINCENTE. Porta il tuo locale al successo “.

Linkedin

MeMagazine on EmailMeMagazine on FacebookMeMagazine on GoogleMeMagazine on InstagramMeMagazine on Twitter
MeMagazine
MeMagazine siamo noi. MeMagazine sei tu. Questo profilo serve per pubblicare tutti gli articoli delle persone che vogliono rimanere anonime o di chi scrive sporadicamente e non vuole impegnarsi troppo. Vuoi scrivere? Contattaci.
Crescita-personale LIFESTYLE
Previous reading
Manuale per Rovinarsi la Vita
Next reading
Oltre Venezia Bikeways arriva a 10.