Turismo 10: PALIO DEL RUZANTE – 14^ edizione.

Domenica 23 settembre 2018 si terrà il Palio di Ruzante, un evento davvero speciale in Riviera del Brenta

Bentrovati  a tutti carissimi lettori di MeMagazine. Questo inizio autunno vede davvero molte manifestazioni che caratterizzano la nostra meravigliosa Riviera del Brenta. Mi è dispiaciuto davvero tanto per la cancellazione di Riviera Fiorita lo scorso Settembre, ma sono sicuro che tornerà nel 2019 più forte di prima (almeno spero…). Comunque una bella sfilata di imbarcazioni tipiche è comunque stata organizzata in onore alla “voga alla veneta” grazie alla Pro Loco di Mira.

Ed ora occhi puntati al “Palio del Ruzante“, domenica 23 Settembre a Fiesso D’Artico. 

Nella magia della Riviera del Brenta, dentro una storia millenaria, una competizione unica al mondo.

Per secoli i tiranti hanno trainato, con la forza delle braccia o con i cavalli, le barche che univano Venezia e Padova. Ora, per rievocare il loro mondo, moderni atleti si affrontano, trascinando dalla riva un grosso e pesantissimo battello.

Il loro lavoro è ricordato, fra gli altri, da uno dei grandi figli della terra veneta: Angelo Beolco, più noto come Ruzante, il nome del suo personaggio teatrale.

Il palio e le attività correlate vogliono ricordare questo grande artista, in cui appaiono, in una cornice universale, valori ed elementi vitali della civiltà veneta.

Il Palio del Ruzante è una gara che consiste nel traino di una grossa barca – un burcio – da parte di squadre formate da cinque tiranti più tre riserve lungo un tratto del Naviglio Brenta. La competizione è a cronometro e si svolge su due manches, rispettivamente in favore di corrente e controcorrente. La squadra vincitrice riceve un palio, cioè uno stendardo dipinto appositamente da un pittore. È disciplinata da un apposito regolamento. La è preceduta da un corteo storico rievocativo della vita sul Brenta ai tempi di Ruzante. Ad essa partecipano squadre rappresentanti le diverse comunità brentane. Il Palio è stato disputato per la prima volta nel 2005. È nato con l’obiettivo di far conoscere i valori ambientali, storici, architettonici, culturali della Riviera del Brenta. Si inserisce negli sforzi che da molte parti si stanno compiendo per la salvaguardia dell’identità del territorio.

Contentissima della collaborazione con tutta la comunità Fiessese e Rivierasca, Raffaela Barbato presidente della Pro loco di Fiesso D’Artico e del Consorzio delle Pro loco Brenta-Adige non nasconde un filo di emozione per questa 14^ edizione. Unione dei comuni, pro loco  e tutte le amministrazioni danno sempre molto volentieri il patrocinio a questa manifestazione che rievoca e porta avanti la tradizione e la cultura veneta soprattutto quella dell’arte dei Tiranti. Saranno presenti  squadre della Riviera Del Brenta che si contenderanno il 14° palio con anche una squadra francese di Saint Marcellin (comune gemellato a Fiesso D’Artico).

Oltre alla competizione dei tiranti, uno spettacolare corteo storico con centinaia di figuranti.

Non mancate dunque al Palio del Ruzante il 23 Settembre.

Vi aspettiamo anche noi di Memagazine…saremo lì. Ovvio!

Renato Trincanato
La vita...è un viaggio. Dunque, viaggiate! Chi sono io? Prima di tutto sono fin troppo razionale...l'istinto lo uso molto poco e prima di fare delle scelte devo pensare parecchio. Sono molto realista, non mi creo illusioni, non spero in cose su cui non c'è più speranza. Accetto la realtà,ma spesso non la condivido. Sono anche romantico sotto un certo punto di vista. Sono permaloso (nei limiti): una battuta a cavolo nel momento sbagliato sul mio carattere, sul mio abbigliamento o su qualsiasi altra cosa può essere fatale per la mia ira... Sono nervoso perennemente, credo...mi preoccupo per mille persone e prima di qualche prova importante sono sempre in tensione. Sono anche molto altruista, se un amico/a ha bisogno di sfogarsi io ci sono in qualsiasi momento, garantito. Sono io.
Rievocazioni storiche
Previous reading
Top coat unghie: la base per una manicure duratura
Next reading
Parole in liberà Bistrot: quando il cibo diventa arte