Un Gioiello Ritrovato: Villa Canal Manfredini

Oltre alla ville più note della Riviera, ve ne sono alcune più nascoste, trovandosi su percorsi meno frequentati, che però fanno parte del patrimonio storico-culturale del territorio e costituiscono una ricchezza. Tra queste vi è senza dubbio Villa Canal- Manfredini a Campoverardo di Camponogara.

L’edificio, che oggi si presenta in ottimo stato dopo la sua ristrutturazione abbastanza recente, era noto come il Palazzon e risale almeno al 1537, anno in cui si menziona per la prima volta la sua esistenza.

Prima dei lavori di restauro la bella villa era piuttosto malconcia, dato che per moltissimo tempo era stata adibita a funzioni non residenziali quali ospedale militare, rifugio per sfollati, luogo di ritrovo giovanile e addirittura osteria.

Le sue origini però sono ben più nobili. Fu la famiglia veneziana dei Canal, che per un lungo periodo acquistò beni e immobili in tutta la Riviera del Brenta, ad acquistare la proprietà, dopo averla avuta in affitto dai Tagliapietra, e ad apportarne significative modifiche.

Con gli anni, in seguito a dissesti economici dei membri della famiglia patrizia che ereditarono la residenza, questa dovette essere messa in vendita e passò così nelle mani del marchese Manfredini.

 Secondo recenti studi, sarebbe sotto commissione di un Canal che furono eseguiti gli ammirevoli stucchi e le decorazioni presenti nella residenza e non, come vuole una tradizione, per volere del marchese che ne entrò in possesso all’inizio dell’800.

Nei successivi passaggi di proprietà a famiglie di agricoltori locali, l’edificio non ebbe una adeguata  manutenzione, sicuramente impegnativa. La decadenza della villa perdurò, purtroppo, fino al momento del restauro.

Oggi la dimora appare di nuovo nella sua forma più simile alle origini, anche se alcune modifiche intercorse non sono state ripristinate.

Anche all’interno sono stati svolti delicati lavori di recupero delle preziose decorazioni.

La complessa ed interessantissima storia delle famiglie che hanno posseduto il Palazzon e delle varie modifiche che questo ha subito nei secoli è molto ben documentata da uno studioso locale, Diego Mazzetto. Questo articolo è debitore al suo saggio intitolato “ I CANAL A CAMPOVERARDO. Una villa, una nobile famiglia, una storia.”  contenuto nel libro “LUOGHI  E ITINERARI DELLA RIVIERA DEL BRENTA E DEL MIRANESE”  edito da Panda, curato da Antonio Draghi e realizzato e promosso dai Cavalieri al Merito della Repubblica Italiana-Riviera del Brenta. Sodalizio presieduto dal Gran Ufficiale Pasquale Di Gennaro.

Inoltre Vi consiglio di non mancare ad una bella serata che si terrà il 7 gennaio 2017 alle 20.00 presso il patronato/circolo NOI di Campoverardo, dal titolo Campoverardo tra storia e memoria, racconti, leggende e curiosità. Il relatore sarà proprio Diego Mazzetto, che ci guiderà nell’ affascinante passato del nostro territorio.

 

Cristian Gastaldo
TERRITORIO VIAGGI
Previous reading
Recensione Libro : La Scuola Nel Cuore di Riccardo Abati
Next reading
Le Cattive Compagnie nel Nostro Letto: Gli Acari e Le Cimici Da Letto