LE PERSONE AL CENTRO

Venice Fashion Week: settimana della moda

Venezia Fashion Week

Sfilate, designer emergenti, artigianato e sartoria: a Venezia anche quest’anno la moda è slow grazie alla Venice Fashion Week, la settimana della moda veneziana che vedrà la Serenissima protagonista di sfilate ed eventi accompagnati dalle figure più significative del panorama fashion internazionale fino al 27 ottobre.

Venice Fashion Week 2018 ha preso il via ufficialmente giovedì 18 ottobre e si dividerà piacevolmente tra sfilate di designer emergenti e brand Made in Italy, ospiti internazionali, mostre, convegni, eventi e cocktail tra palazzi e vie della moda che ne saranno teatro. Scopriamo quindi il nutrito programma della kermesse più elegante dell’anno.

Venice Fashion Week

VENEZIA FASHION WEEK 2018

A Venezia anche quest’anno la moda è slow: sostenibile, gratuita ed aperta a tutti la Venice Fashion Week, dal 18 al 27 ottobre, ancora una volta promuove l’alto artigianato e le eccellenze del territorio, sensibilizzando l’attenzione su temi fortemente attuali quali la ​moda etica, rivelando l’accento contemporaneo delle sartorie veneziane e puntando i riflettori su progetti nati dalla ​collaborazione tra le aziende storiche di rilievo e la visione  moderna e futuristica dei più noti designer contemporanei​​.

La Venice Fashion Week rappresenta inoltre un palcoscenico di rilievo dedicato alla moda e all’artigianato tipicamente veneziano: oltre alle sfilate infatti, ogni spettatore è invitato alla scoperta di sartorie, botteghe artigiane, boutique innovative e prodotti unici, in un territorio produttivo dove l’artigianato contemporaneo rappresenta sicuramente un nuovo modello di lusso.

IL PROGRAMMA DELLA VENICE FASHION WEEK

Venice Fashion Week inizia con una mostra e termina con una grande festa: sono questi i presupposti dell’evento trendy più atteso dell’anno. Eventi e sfilate tutti i giorni accompagneranno la settimana a partire da giovedì 18 ottobre alle 11:30 con Apart. Preserve, Innovate, una mostra di abiti contemporanei realizzati dalle più antiche sartorie veneziane e creata dalla nota designer Daniela Giacometti. Installata presso l’Hotel Londra Palace, e coadiuvata dalla sfilata di Fabiana Filippi, l’azienda con il più basso impatto ambientale d’Italia nel trattamento dei filati, tratterà da subito quelli che sono i temi principali della manifestazione: alto artigianato per una moda etica e sostenibile.

La moda come progetto di inclusione andrà invece in scena venerdì 19 ottobre a partire dalle h.19: la casa del lusso veneziano T Fondaco dei Tedeschi verrà presentata la pregevole sfilata della collezione Banco Lotto n. 10 realizzata dalle detenute della casa di reclusione femminile di Venezia.

Venice Fashion Week

Anche sabato 20 ottobre presso Piazza San Marco a partire dalle h.12 si parlerà di moda etica attraverso una capsule della collezione Autunno/Inverno 2018/19 del Progetto Quid diretto da Anna Fiscale, mentre nel pomeriggio il pigiama party del brand fiorentino Veraroad verrà presentato all’interno di un palazzo veneziano del Settecento rappresentando un autentico sodalizio con il prezioso merletto di Burano proposto dall’atelier Martina Vidal Venezia.

Domenica 21 ottobre il brand veneziano V73 presenterà invece le nuove borse artigianali presso Palazzo Marin: avranno inoltre inizio gli aperitivi in compagnia dei più noti designer del panorama fashion internazionale e i cocktail nelle più belle boutique veneziane. La settimana delle sfilate veneziane riprenderà martedì 23 ottobre presso lo Splendid Venice Hotel che vedrà protagonisti i Tabarri di Sandro Zara, noto creativo che ha rilanciato questo iconico capo sartoriale nel mondo della moda caratterizzandone il successo.

28 ottobre Venezia Fashion Week

L’artigianato nel suo aspetto più espressivo caratterizzerà invece i designer protagonisti mercoledì 24 ottobre: pin occasione della sua prima assoluta Davii, brand emergente del brasiliano Fabiano Fernandes Dos Santos, ha scelto Venezia e le stanze affrescate di Palazzo Marin come teatro perfetto: il concept? drappeggi e plissettature per tessuti fluidi e pezzi unici realizzati interamente a mano. La sera The Gritti Palace Hotel presenterà invece i veneziani Arnoldo e Battois, creativi che hanno calcato le passerelle internazionali e che hanno sfilato davanti a Carla Sozzani e Anna Wintour per Who’s on Next di AltaRoma e Vogue Italia.

Giovedì 25 ottobre si parlarà di moda etica e sostenibile presso Ca’ Sagredo Hotel con un convegno che vedrà confrontarsi i più importanti artigiani veneziani, designer e istituzioni, concludendo poi con la sfilata delle aziende green Imama Project e Poethica.

Venerdì 26 ottobre sarà la volta dell’emergente Michela Gaiofatto a Palazzo Barbarigo sul Canal Grande, mentre sabato 27 ottobre a conclusione della Venice Fashion Weel una lunga festa animerà le vie e i canali della città: una passeggiata con gli Instagramers alla scoperta degli atelier aperti, e ancora cocktail ed eventi significativi tra cui la sfilata delle giovani diplomate allo IED Venezia presso l’Hotel Saturnia in Via XXII marzo, e uno show di droni a T Fondaco dei Tedeschi.

COME PARTECIPARE ALLA VENICE FASHION WEEK

Tutti gli eventi della Venice Fashion Week saranno gratuiti e aperti al pubblico: tuttavia per partecipare alle sfilate sarà obbligatorio prenotare inviando una mail a hello@veneziadavivere.com e indicando a quale si intende partecipare. Ulteriori informazioni sono inoltre disponibili sulla Pagina Facebook ufficiale dedicata all’evento.

 

Veronica Bufano on EmailVeronica Bufano on FacebookVeronica Bufano on GoogleVeronica Bufano on InstagramVeronica Bufano on LinkedinVeronica Bufano on Twitter
Veronica Bufano
Veronica 37 anni, toscana dalla nascita ma ligure d'adozione ama ogni singola sfumatura che determina il concetto di "bellezza". Amante della scrittura, vive per assencondare le proprie passioni con estro e creatività ed è sicuramente la determinazione e la testardaggine a permetterle di realizzare quelli che sono i suoi sogni!
Eventi di Moda
Previous reading
SQcuola di Blog: quando un’esperienza formativa ti cambia la vita!
Next reading
Alla guida accendiamo il cervello e non il telefono